Accogli l’islam e poi muori…

Pecorella: Caro Pastore, i fatti pasquali in Sri Lanka (terroristi islamici che si fanno esplodere in chiesa e in hotel contro la comunità cristiana) ci riporta alla vexata quaestio: siamo di fronte ad un problema dovuto ad una frangia di esaltati o ad una guerra di religione?

Pastore: Certamente non si tratta solo di una frangia di esaltati. Lo dimostra chiaramente il fatto che senza l’impegno e il sangue dei nostri avi a Poitiers (732), Lepanto (1571) e Vienna (1683) tutti gli europei in seguito sarebbero già nati musulmani.

Pecorella: Sembra però che il problema sia sottovalutato. Almeno in Europa non lo si considera un problema. Perché?

Pastore: I motivi sono proprio tanti. Meriterebbero un libro loro da soli, più una breve risposta in un blog. Sicuramente c’entra:

Continua a leggere

Essere omosessuali: è un peccato?

Pecorella: Caro Pastore, partiamo dal tweet a fianco. E’ del gesuita James Martin, padre che non nasconde la sua volontà di sdoganare l’omosessualità anche nella Chiesa.
Infatti il suo tweet inizia proprio con “Essere gay non è una colpa. E’ la modalità con cui Dio ha creato alcune persone”. Già con questo incipit c’è da discutere abbastanza. Che dici?

Continua a leggere

Sotto attacco?

In questo articolo tra Pecora e Pastore il confronto è incentrato sul Congresso di Verona sulla famiglia naturale. Abbiamo lasciato sedimentare le emozioni per andare alla ricerca degli obiettivi latenti che portano a questo “odio” nei confronti dell’istituzione fondamentale della nostra società. Per il Pastore sono piuttosto chiari…

Pastore: Scrisse Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, domenica scorsa 24 marzo 2019 in riferimento al convegno mondiale (cristiano, non cattolico) sulla famiglia, svoltosi a Verona.
“La famiglia con figli ha bisogno di tante risposte politiche, e in Italia quasi di tutte, non di nuovi furiosi e inutili comizi. Qualcuno, pochi o tanti non so, di volta in volta si ricorderà anche di votare “contro” qualcun altro, ma è un fatto che lorsignori si dimenticano regolarmente di “fare”. La famiglia è un bene grande, e pretende visioni e azioni grandi perché capaci di futuro. Personalmente, ma so di non essere il solo, mi sento di dire che di chiacchiere altisonanti, ideologiche, vendicative, ostili e inesorabilmente vuote non ne posso più.”

Continua a leggere

Pastore “indegnamente felice”

Pecorella: Caro pastore, in questi ultimi due giorni (oggi è martedì 19 marzo, san Giuseppe) abbiamo pubblicato ben tre (3) articoli di credenti confusi e smarriti per la situazione della Chiesa e di chi la guida. Un laico, come me, una monaca (che si definisce addirittura “sradicata”), un padre missionario. Tu che sei un consacrato come loro, come ti senti?

Pastore: Felicemente e indegnamente partecipante del dramma di morte e resurrezione di Gesù. Felicemente e indegnamente parte ferita di una Chiesa che gli antichi Padri definivano “casta meretrix”: santa, in Cristo; peccatrice e infedele, nelle sue membra.

Pecorella: Grazie per la tua sincera risposta. In questo stato di “felicità indegna” non avverti un disagio per l’atteggiamento poco coerente con la dottrina della Chiesa da parte di alcuni confratelli e, purtroppo, anche da parte di qualche vescovo?

Pastore: Non solo avverto un disagio, ma una vera e propria ferita tanto personale, quanto dell’intera Famiglia-Chiesa. La ferita non si rimargina, ma si acutizza pensando che non si tratta solo di divergenze teoriche, ma di fatti, di scelte sia personali, sia condizionanti, sia imposte ad altri. Gran parte dei mezzi di comunicazione sociale intervengono poi solo scandalisticamente, cioè versando sale abbondante sulle ferite, ma non provando neppure a capire il cuore del problema.

Continua a leggere

Tra i rovi

Ecco un nuovo dialogo tra Pecora e Pastore. Il Pastore è preoccupato per..

Pecorella: Buongiorno pastore. Oggi non ti do alcun spunto, ti lascio scegliere. Di che cosa vorresti discutere?

Pastore: Oggi sono particolarmente preoccupato per le tante Pecorelle che vivono tra i rovi dell’infelicità e della lontananza da Cristo e, allo stesso tempo, per i Pastori che vivacchiano, non mostrando alcuna preoccupazione per la vera crisi di fede che ci attraversa e ci circonda.

Pecorella: E’ bello sentire un pastore che si preoccupa ancora per noi! Magari non sempre siamo infelici e lontani da Cristo ma siamo comunque smarrite perché non ci viene indicata la “retta via”. Ma quali sono, a tuo parere, i segni evidenti di questa “vera crisi di fede”?

Continua a leggere

Tra Pecora e Pastore

Sta per uscire un nuovo articolo di questa categoria. Con schiettezza e severità sulla situazione della Chiesa,il nostro amico, filosofo e teologo, ci fornirà anche delle indicazioni su come aiutare i giovani Ecco l’incipit.

Pastore: Oggi sono particolarmente preoccupato per le tante Pecorelle che vivono tra i rovi dell’infelicità e della lontananza da Cristo e, allo stesso tempo, per i Pastori che vivacchiano, non mostrando alcuna preoccupazione per la vera crisi di fede che ci attraversa e ci circonda.