Segnalazione

Questo link viene proposto da Google quando si cerca il Documento sulla Fratellanza Umana:

umana.html …http://m.vatican.va/content/francescomobile/it/travels/2019/outside/documents/papa-francesco_20190204_documento-fratellanza-umana.html

Cliccandoci sopra si viene indirizzati all’home page del relativo sito ma non alla pagina in questione.
Come mai questa pagina è sparita? Non viene neppure visualizzata come pagina cache proposta nella ricerca Google?
Azzardiamo: c’è qualcosa che non si doveva scrivere?
Scripta manent, putsa volant!

Che tristezza le Diocesi del Triveneto!

Non ho parole! Forse un commento seguirà nei prossimi giorni

Aggiornamento del 10 gennaio

Il sito da cui l’immagine è stata presa non è più raggiungibile! Che sia scomparso per la vergogna? Magari fosse così.
Ora però esprimo il mio dissenso specificando le motivazioni.
Possibile che l’IRC (insegnamento Religione Cattolica) sia ridotta così male? Facciamo una premessa: l’IRC, per l’acronimo stesso che la individua, ha un obiettivo che dovrebbe essere evidente: la religione Cattolica. Possibile che la religione Cattolica sia rappresentata da certi sostantivi? I sostantivi usati possono essere validi, non discuto questo, ma sono solamente degli strumenti per raggiungere il fine. Qual è il centro della religione Cattolica? Mi sembra ovvio, è Gesù Cristo, Dio rivelato che dà un senso alla nostra esistenza (su questa Terra, siamo solo di passaggio, ricordiamolo).
Ecologia? Dialogo? Dio generico? Beh, facile brontolare. Ora propongo come sostituirei i sostantivi usati:
Tolleranza > Verità.
Ecologia > Creato.
Storia > Salvezza.
Dio > Gesù.
Arte > Bellezza.
Cultura > Vita.
Rispetto > Evangelizzazione..
Valori > Principi,
Futuro > Eternità..
Apertura > Identità.
Pace > Testimonianza.
E’ vero, qualc-uno l’ho risparmiato 😉

Cosa insegnano i Magi?

I Magi ci insegnano ad alzare lo sguardo verso la stella e a seguire i desideri del nostro cuore. Ci insegnano a non accontentarci di una vita mediocre ma a lasciarci sempre affascinare da ciò che è buono, vero, bello

Chi ha proferito tal sentenza? Per fortuna son citati i Magi a fornire qualche indizio. Questa frase è di un Vescovo di una nota città europea. Ma mi ha fatto una tristezza notevole. Perché? Cosa insegnano i Magi? “A seguire i desideri del nostro cuore”! I desideri del nostro cuore? Ma possono essere qualunque! Inoltre i Magi ci insegnano “A non accontentarci di una vita mediocre”. E questa è di una banalità spaventosa. Steve Jobs l’avrebbe detta meglio. E la chiusura? Beh.. lasciamo perdere.
E io che pensavo che i Magi fossero venuti per Gesù Bambino che dà senso a tutta la nostra esistenza

PS Indovinate qual è la città europea?

“Essere cattolico” che significa?

Ho letto vari editoriali sull’analisi del voto, in particolare del voto cattolico.
Non voglio entrare nel merito sugli impegni che si prefissa il Popolo della Famiglia, il partito che esplicitamente si rifà alla Dottrina sociale della Chiesa per difendere quei principi e valori cristiani cattolici.
C’e una questione che reputo però prioritaria e indefettibile e sono proprio i valori cristiani appena citati.
Mi sembra che il Popolo della Famiglia abbia molto chiaro quali siano questi valori e questo mi rincuora e rasserena. Non li ribadisco in questo articolo ma li sottoscrivo uno ad uno (sono stati presentati chiaramente e senza sconti in campagna elettorale ma anche in questi giorni).
Il problema però va esteso al voto cattolico e qui nasce la questione essenziale: cosa significa definirsi cattolico? Può definirsi cattolico un premier che poi fa approvare le unioni civili? Può definirsi cattolico chi vuole benedire l’unione omosessuale? Può definirsi cattolico chi promuove l’aborto? Può definirsi cattolico chi elogia premia personalità discutibili che hanno propagandato azioni contro la morale cattolica? Può definirsi cattolico chi, purtroppo in ruoli istituzionali per la difesa della Vita, giustifica l’eutanasia non riuscendo a distinguere tra cure palliative e accanimento terapeutico?

Continua a leggere

A proposito di pastori e gregge

Marco Tosatti nel suo blog Stilum Curiae scrive questo articolo http://www.marcotosatti.com/2018/03/09/il-pastore-perduto-come-papa-francesco-sta-inducendo-in-errore-il-suo-gregge-di-philip-lawler/ su un nuovo libro di Philip Lawler sottolineando come il Pastore stia confondendo (e dividendo) il gregge.

“Il romano pontefice dovrebbe essere un focus di unità nella Chiesa. Francesco, purtroppo, è diventato una fonte di divisione. Ci sono due ragioni per questo sviluppo infelice. Lo stile di governo autocratico del papa, e la natura radicale del programma che sta portando avanti senza sosta. Lo stile autocratico, che contrasta acutamente con le promesse di un governo sinodale e collegiale, non è mai stato così evidente come nel gennaio 2017, quando ha buttato via lo status di un antico ordine cattolico indipendente e sovrano, i Cavalieri di Malta”

“Ma un papa non dovrebbe essere in ‘una parte’ di disaccordo all’interno della Chiesa”

“la confusione che ha provocato ha destabilizzato l’intera Chiesa. I fedeli sono stati indotti a mettere in questione se stessi, ciò in cui credono, la loro fede. Guardano a Roma cercando una guida e invece trovano più domande, più confusione”

Dubia? Sempre!

Leggendo la prima lettura di oggi ci hanno colpito questi versetti (dal libro del Deuteronomio 18):

Se qualcuno non ascolterà le parole, che egli dirà in mio nome, io gliene domanderò conto.
Ma il profeta che avrà la presunzione di dire in mio nome una cosa che io non gli ho comandato di dire, o che parlerà in nome di altri dei, quel profeta dovrà morire.

E questi versetti sono utili per chiarire il senso di questo blog. Non pensiamo di avere la Verità in mano. Vogliamo assolutamente seguirla. Quindi i “Dubia”, non quelli dei cardinali, noi ce li poniamo continuamente: cosa vuole il Signore da noi? Perché ci sono segnali di confusione? E questa confusione non è un’impressione di alcuni ma di molti all’interno della Chiesa. E allora il dubbio si ripropone: cosa vuole il Signore da noi in questi tempi? Seguire i pastori a prescindere o, con atteggiamento critico, seguire il Verbo fattosi carne in Gesù Cristo? La risposta? Preghiamo che il Signore ci illumini. Se stiamo percorrendo una via errata, una volta accortisi, ci rimetteremo in cammino sulla Via che dona la Vita.
Il nostro è anche un grido di aiuto… se stiamo sbagliando, fatecelo capire! Noi cerchiamo di coniugare fede e ragione per comprendere. Come diceva san Giovanni Paolo II (lettera enciclica “Fides et Ratio” – 1998):